Nemesi


lettere

Ho tanta
di quella bellezza
e ho tanta
di quella paura
ho tanto
dolore sopito
e ho un canto
un sole d’inverno
e un sogno
la voce di madre
che chiama
e il suono
del vecchio strisciare
di nonna
e un pianto
e ho tutto l’inganno
nascosto
sul palmo della mia mano
che guardo
e cerco
in silenzio,
l’attesa
di chi, forse tu,
giunga
qui
a portarmelo via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.