Ed erano notti


lettere

Ho attraversato notti
che scivolavano sulla pelle,
improvvise come fulmini
a lasciare segni,
e ferite
e pioggia sulle labbra.

Ho attraversato notti
infinite, mentre rimestavo
a brancolare
nello specchio dei miei errori.

Ed erano notti,
misere, comuni,
sudate,
trascorse a berci dentro l’anima
che non potevo trovarmi addosso.

Ed erano notti
dalle voci cangianti,
fuochi fatui,
spente nel giorno a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.