Prigioni


lettere

Taglienti aculei
mordono
graffiano
spezzano,
e segnano immobili il passo

sono cammini d’altrove
voci perdute
che giungono a me senza nome
non c’è musica nel loro parlare
lamenti d’assenze e lividi negli occhi,
rabbia di essere alterni ai giochi del passato,
memorie a singhiozzo
e lacrime calde
che versano Dolore
su impronte incapaci di lasciarli andare.

E sono prigioni lunghe tutta una vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.