Tu, sanguinosa infanzia di Mari


Tu, sanguinosa infanzia – Michele Mari, 2009 – Einaudi – pp. 134 – € 13,00.

Undici racconti, undici storie in cui l’inconfondibile voce di Mari si diverte con dissacrante umorismo a tracciare un percorso di memoria smarrito, strappato dal tempo in maniera violenta. Ferite e sangue ci lascia in eredità la vita nel momento in cui s’impossessa definitivamente dell’età più dolce, più vera. La testimonianza quasi ossessiva di un’infanzia privata che nulla ha a che vedere con gli altri e che per nulla potrebbe essere condivisa e compresa. Il feticismo che viene riversato nel rapporto morboso con i suoi giornaletti, e poi i giocattoli e i canti della memoria, di un’appartenenza che si rinsalda in quei pochi anni, ancora acerbi. E le paure, le ombre che mutano nei volti cangianti delle narrazioni o delle figure che lo hanno accompagnato. E il gioiello, purissimo. «Otto scrittori», in cui l’autore conversa con otto grandi del passato, Melville, Verne, Defoe, Poe, Stevenson, Conrad, London e Salgari, riportandoceli agli occhi in dialoghi surreali, in quel singolare gioco della torre alla fine del quale ne resterà soltanto uno, quando l’infanzia sarà del tutto svanita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.