Sovrapposizioni vocali


 

E sono voci
piegate sulle ossa,
lasciate a terra o da terra sollevate,
carezze nel dolore
sussurri oltre le lacrime,
assenze,
vuoti profondi a lacerare abissi.
E siamo voci,
sovrapposti, in attesa,
a schermire il silenzio con sorrisi,
intervalli diatonici,
salgono,
s’alzano,
s’ergono a superare orgasmi di paure.
Restiamo voci
nell’infinito spazio aperto,
echi di esistenze
a dipanarsi
come fioco lume nelle tenebre
in cerca di un tenue bagliore,
quale via di un cammino vissuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.