Archi



violino

per strada,
nel canto dimesso di erranti violini,
nel tocco gentile e sorpreso
di viole che al vento gettavano il loro colore
sentivo vibrare la mia anima,
fremere, battere e sbattermi forte,
fino allo stremo, fino alla morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.