Giunone all’aratro


lettere

 

Sulle ginocchia è il ragazzo,
l’aratro che solca
la vita donata dal padre
e oltre la siepe una voce
nel canto che sfiora la mente
come polline i fiori.

Poderi lontani coltivano storie
di pianti dimessi,
rantoli sordi e fatiche
e oltre la siepe una voce
che da parte a parte si spande
come vento nel mare.

Non è del suo mondo la voce
verrà dagli dei
si dice, piegato nelle ossa
e nell’animo in fiamme il ragazzo.

Leggera si muove
come vorrebbe le mani
e accarezza i capelli
come vorrebbe le labbra.

Sulle ginocchia è il ragazzo
e la terra
che fragile cede
al peso del non amore.

One thought on “Giunone all’aratro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.