Ballata per una lacrima


diario

Ho memoria di passi,
di strappi,
di viaggi traversi.
Ho memoria di vuoti
e cadute,
di volti scomparsi.
Ho memoria di mani
distese,
sognanti e tremanti nel grembo,
nascoste nel gelo,
esitanti nel dire
mai dome per chiudersi a velo.

Ho memoria di suoni,
fragori da spegnere il mondo,
canzoni invecchiate dal vino
e parole da andarci lontano.

E ho memoria di specchi
da chiuderci tutta una vita,
che mi lasciano un tiro maldestro
sulle spalle piegate a rimorchio
di una strada in attesa
che raggiunga la svolta svanita.

Ho memoria di passi,
e silenzi cuciti la notte,
di albe viaggianti
e lievi carezze al mattino
e ho memorie di occhi
impresse nel buio profondo
e una voce che piange
e mi chiama
e m’implora.

E ho le labbra in un’eco lontana
dell’ennesima voce smarrita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.