Respiro


diario

Ho occhi imbrattati d’amore,
le palpebre stanche
e lo sguardo che muore.

Ho mani che parlano ancora
nel buio tremante
che volge all’aurora.

E ho voce per dire
e per dirti
che è musica quando
respiri la notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.