Blues di terra e di catrame



Si muore comunque,
non sempre si vive;
nei campi il dolore ha avuto ragione,
li ha presi per mano senza molte parole
e, ricoperti di terra, li ha vestiti di aiuole.
Si muore comunque,
non sempre si vive;
nei campi il dolore ha avuto ragione,
li ha presi per mano senza molte parole
e, ricoperti di terra, li ha vestiti di aiuole.
Si muore comunque,
non sempre si vive;
per strada il lavoro ha avuto ragione,
ha acceso semafori e, spento gli ardori,
ha riempito le voci di tormenti e catrame.
Si muore comunque,
non sempre si vive;
per strada il lavoro ha avuto ragione,
ha acceso semafori e, spento gli ardori,
ha riempito le voci di tormenti e catrame.
Così se il cammino s’è tolto le stringhe,
ricorda di fare lo stesso ai pensieri
perché si muore comunque
e a volte si vive.

One thought on “Blues di terra e di catrame

  1. …veramente bella!…ma come mai “nei campi…” è ripetuto due volte? Forse che l’autore vuole evidenziare l’usura che la terra (madre) procura sull’uomo (figlio)?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.